Acquisti

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo

Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito. In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!

Ufficio reclami e diffide

Se sei stato truffato, se hanno negato il tuo diritto alla garanzia su un prodotto acquistato, richiedi il nostro intervento! Scrivici
info@difesaconsumatori.com

Consulenza telefonica gratuita

Contattaci telefonicamente per una consulenza gratuita preliminare.
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 i nostri esperti saranno a tua disposizione

Lavora con noi

Sei un avvocato? Abbiamo una proposta per te. Entra a far parte del più grande network di avvocati in Italia.
Per saperne di più chiamaci al 08.100.30.533

 

Bufale online e off line

Difficilmente un venditore ci attribuirà più diritti di quanto non faccia già la legge, più spesso capiterà il contrario, ossia che il venditore tenti di limitare la propria responsabilità nei confronti del cliente con annunci o avvisi, fuorviando il consumatore poco attento.
In realtà molteplici sono gli espedienti utilizzati dai venditori, sia che essi concludano contratti al di fuori dei locali commerciali o che invece provvedano alla vendita all'interno di un negozio. Un modo per il cliente di orientarsi nel mare magnum di informazioni può essere quello di conoscere i propri diritti generali a lui riconosciuti dalla legge in quanto acquirente, e da qui procedere con la valutazione di quanto ci troviamo a leggere in negozi, o ad esserci in vario modo comunicato, in sede di acquisto.
Partendo dalla disamina delle maggiori facoltà, abbiamo il diritto di recesso. Tale diritto, concesso a chi acquista al di fuori dei locali commerciali, non può in alcun modo essere limitato dal venditore, pertanto saranno da considerarsi illegittimi tutti i tentativi fatti dal venditore volti a limitarne l'efficacia.


Il diritto di recesso

Non potranno essere considerati validi gli annunci che limitano la tempistica per l'esercizio del diritto di recesso, che è sempre di 14 giorni, indipendentemente da quanto dica il venditore. Ed ancora, non è da considerarsi limitante il fatto che la confezione sia stata aperta: nessun prodotto può essere oggetto di recesso solo a condizione che sia ancora imballato, o col sigillo, o non utilizzato. La legge, infatti, stabilisce che il prodotto debba solamente conservare la sua sostanziale integrità, il che significa che nonostante sia stato provato dall'acquirente, che ne abbia fatto un uso normale, il prodotto non abbia assolutamente perso la propria utilità iniziale. Dunque illegittimi saranno tutti gli annunci che condizionano il recesso al fatto che un prodotto abbia ancora la confezione integra o no sia mai stato usato.

Alla regola che il recesso entro i 14 giorni dall'acquisto di un prodotto fuori i locali commerciali, vi può essere un'eccezione. Talvolta infatti, i venditori, pur di accaparrarsi clienti, consentono che l'acquisto fatto all'interno del negozio possa essere sostituito o rimborsato entro pochi giorni. In questo caso, quindi, anche in assenza di difetti che ne giustificherebbe l'applicazione della garanzia per vizi, il venditore consente volontariamente la possibilità di recesso dell'acquirente messo nella condizione di sostituire il bene o addirittura chiederne il rimborso del prezzo pur in assenza di difetti, ma solo per un personale ripensamento.

La garanzia

Altro campo dai confini spesso indefiniti è quello della garanzia. Questa é prevista dalla legge per tutti i prodotti oggetto di acquisto ed ha validità di due anni. Copre i vizi, le difformità, o i difetti che il prodotto può mostrare da subito o successivamente al primo utilizzo. In questo caso il venditore avrà l'obbligo di riparare il prodotto a proprie spese o di sostituirlo. Tale garanzia non può essere derogata dal venditore, pertanto saranno da considerarsi senza valore gli avvisi che, ad esempio, limitino la garanzia ad un periodo più breve. Ma non basta, anche in questo caso sottoporre la garanzia alla condizione che il prodotto venga presentato nel suo imballo originale ed integro non può considerarsi pienamente legittimo, data la difficoltà che può incontrare un soggetto nel mantenere per un periodo lungo, ossia i 2 anni, la confezione di un prodotto che può essere anche ingombrante.
Inoltre la legge, per quanto sottoponga la garanzia del prodotto alla prova dell'acquisto, non vincola la stessa al solo scontrino fiscale, ben potendo esserne prova altri fattori. Pertanto, il venditore non può obbligare il cliente all'esibizione dello scontrino per la applicazione della garanzia.
Alla regola della garanzia vi è però un'eccezione. Quando il prodotto messo in vendita è usato, per l'applicazione della garanzia, bisogna distinguere: a) se il venditore è un venditore professionale, allora la garanzia opererà anche sul prodotto usato, b) viceversa, ove invece sia un venditore privato, la garanzia non potrà trovare applicazione.

Bufale

Riassumendo, saranno da considerarsi invalide espressioni del tipo:
- il diritto di recesso è concesso entro 7 giorni dall'acquisto, e solo a condizione che il prodotto non sia stato usato e si trovi ancora nella sua confezione riportante il sigillo;
- la sostituzione del prodotto difettoso sarà possibile solo entro 8 giorni dall'acquisto;
- per l'applicazione della garanzia si richiede la consegna del prodotto nel proprio imballaggio originale ancora integro;
- la perdita dello scontrino determinerà la decadenza del diritto dell'acquirente alla garanzia del prodotto;
ecc…

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
MatteoQM
0 #1 MatteoQM 2016-07-29 06:27
Spett. Difesa del Consumatore,
nell'articolo si cita una legge ma non il suo numero/data, mi illuminate in merito?

Come si può determinare la decadenza del diritto alla garanzia senza scontrino?

Grazie grazie grazie

Matteo
Citazione
 

Chi è on line

Abbiamo 404 visitatori e nessun utente online

Contattaci






Come difendersi da Equitalia

Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Puoi contattarci gratuitamente e senza alcun impegno per esporci la tua problematica. Saremo lieti di offrirti consiglio e se vorrai potrai usufruire dei nostri servizi. Scrivici ad info@difesaconsumatori.com

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo