Banca

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo


SOS Telefonia

La guida definitiva per difendersi dai soprusi delle compagnie telefoniche.

Scarica subito il nostro ebook e scopri come sgonfiare la tua bolletta.


Consulenza telefonica


Se hai bisogno di una consulenza legale non c'è modo più semplice per ottenerla.

Segui le istruzioni ed entro 24 ore sarai contattato dai nostri legali
 

La truffa di forex-point.com e tradedax.com

Ormai su internet spuntano come funghi servizi di trading on line, che si propongono di trasformare piccoli risparmi in immensi capitali.
Tra le numerose piattaforme, due in particolare hanno un funzionamento inquietante e contro di esse stiamo concentrando i nostri sforzi. Abbiamo in particolare già presentato numerose querele e ci auguriamo di presentarne numerose altre, affinché i siti internet di riferimento siano finalmente chiusi dalle forze dell’ordine.

I siti a cui ci riferiamo sono: forex-point.com e tradedax.com

Entrambi si propongono come piattaforme di investimento, attraverso la quale poter beneficiare della consulenza specialistica di esperti di trading on line.
Spendiamo qualche riga per spiegare come funzionano queste piattaforme e come riescono a rubare decine e decine di migliaia di euro dalle tasche dei risparmiatori.

Al primo contatto, quel che ti chiedono è di investire una piccola somma, giusto per rompere il ghiaccio e, senza troppi rischi, poter provare con mano le possibilità di guadagno che sono in grado di offrirti. Che si tratti di mille euro o di cento euro, l’importante è iniziare.
Basterà effettuare un bonifico sul conto dell’operatore (che si tratti di forex-point.com o tradedax.com non fa differenza) per vedere la cifra effettivamente accredita sul proprio conto personale, all’interno dell’area riservata del sito stesso.

Con poche operazioni, nel giro di qualche giorno, vedrai i soldi accantonati nella tua area personale letteralmente moltiplicarsi. Poche migliaia di euro si trasformano in decine e decine di migliaia.
Se il sistema funziona e si guadagna così tanto, perché non incrementare l’investimento? Saranno gli stessi operatori della piattaforma (forex-point.com o tradedax.com) a suggerirti di una favorevole congiuntura del mercato di cui sarebbe un peccato non approfittare. Quel che ti diranno è che bastano appena dieci mila euro per sfruttare l’opportunità. Quindi, altri dieci mila euro di investimento che si sommano a quelli già versati inizialmente.
Anche il nuovo investimento darà risultati sorprendenti. A questo punto non puoi tirarti indietro e, quando gli operatori (forex-point.com o tradedax.com) ti suggeriranno di variegare l’investimento per proteggersi da perdite e mantenere costante l’incremento di capitale, non ti fa più paura dar fondo ad ogni risparmio, perché sai che, per ripararti dagli imprevisti della vita, potrai pur sempre contare sui fondi già stanziati sul tuo conto personale (che nel frattempo conterà decina se non centinaia di euro, visti i meravigliosi rendimenti degli investimenti precedenti). Quindi, effettui un ulteriore bonifico alla piattaforma (forex-point.com o tradedax.com) magari mettendoci tutto quel che hai risparmiato in anni di sudato lavoro.

Fortunatamente, tutto procede a gonfie vele: il tuo conto macina soldi su soldi.

È a questo punto che l'operatore ti consiglierà di disinvestire e ritirare le somme.
Vogliono ridarti i tuoi soldi, lo prendi come un segno di onestà. Per ritirare i soldi occorre pagare una commissione: in preda all’ottimismo, ti dici che in fondo anche loro devono guadagnarci ed è giusto così. Questa commissione sarà pari a qualche punto percentuale dell’ingente capitale che hai da riscuotere, quindi sono altre migliaia di euro che l’operatore ti chiederà di pagare.

Dopo averle pagate, attenderai il bonifico sul tuo conto, ma invece riceverai una nuova comunicazione da parte di un sedicente istituto bancario internazionale che ti informerà che il pagamento è stato bloccato dalla Banca Centrale Europea o da qualche altro istituto finanziario, che sta svolgendo un'attività istruttoria (o chissà che altro!) per accertare la provenienza dell’ingente somma che sta per arrivare sul tuo conto. Queste attività istruttorie richiedono un pagamento, altrimenti non potranno sbloccare il bonifico. Sono solo poche migliaia di euro, in effetti briciole rispetto a quel che attendi di ricevere.
Chiedi un prestito e ti dai un pizzico sulla pancia. Adesso non resta che pagare e attendere che i soldi approdino sul conto in banca.

Il bonifico purtroppo non arriva, perché l’istruttoria svolta dal sedicente istituto finanziario internazionale richiede un preventivo deposito cauzionale a titolo non si sa di cosa. Servono altre migliaia di euro, che non si sa più dove troverai, forse vendendo quel po’ che ti è rimasto o impegnando il tuo appartamento. Poi il pagamento sarà nuovamente bloccato, perché ti chiederanno anticipatamente di pagare imposte, tasse o bolli su quella ingente cifra che è sempre ad un soffio dall’esserti accredita…ma che, invece, non arriverà mai.

Con nuove storie e nuove identità, ti contatteranno infinite volte, ad ogni contatto corrisponderà una richiesta di pagamento con la promessa che sarà l’ultima per poter riscattare tutto quel che ti spetta.

Di storie come questa ce ne hanno raccontate tante: varia qualche particolare, ma la sostanza è sempre la stessa.

Non esistono interventi miracolistici. Di nessuna storia che questi signori inventeranno ci sarà mai da fidarsi e l’unica cosa da fare immediatamente sarà sporgere querela, interessare le forze dell’ordine affinché arrivino ai responsabili.

Noi siamo qui per darvi la nostra assistenza legale. Se hai bisogno di aiuto puoi scriverci ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e valuteremo insieme la soluzione più adatta.

Chi è on line

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Come redigere una querela

Come difendersi da Equitalia


Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Se hai subito una truffa, se qualcuno ha violato i tuoi diritti di consumatore, puoi utilizzare il modello di diffida predisposto dai nostri esperti. Clicca qui per il download

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo


Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito.

In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!