1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies. Scopri di più.

Chiusura illecita gas

Discussione in 'Utenze telefoniche, luce e gas' iniziata da Glory85, Dic 29, 2016.

  1. Glory85

    Glory85 New Member

    Registrato:
    Dic 29, 2016
    Messaggi:
    3
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Ciao a tutti,
    Nella giornata di ieri, mercoledì 28 dicembre, qualche incaricato dell'IREN ha chiuso e piombato il mio contatore gas.
    Il fatto dev'essere accaduto poiché ho svariate bollette in arretrato relative alle utenze domestiche (luce; gas e acqua).
    La questione che mi fa rabbia è che la persona che è entrata nella mia proprietà (il giardino della quadrifamiliare in cui abito e presso la quale ho preso residenza) l'ha fatto senza che io ne fossi a conoscenza e quindi senza la mia autorizzazione.
    Mi sono accorto di non poter disporre del gas all'ora di pranzo quando ho messo l'acqua per la pasta a bollire e non si è accesa la fiamma.
    Mi sono precipitato allo sportello relazioni con i clienti del mio gestore (IREN) e l'addetto mi ha esplicitato che il contatore è stato chiuso e piombato per via degli arretrati non pagati e per il mio stato di moroso. Ho domandato per quale ragione non fossi stato avvisato con idonea comunicazione (essendo consapevole che rientra fra i diritti dei consumatori) e dall'altra parte dello sportello mi è stato detto che, evidentemente, o non ero reperibile oppure era impossibile recapitarmi la comunicazione.
    Già incredulo mi viene fornito un bollettino di 600 euro che racchiudeva l'ammontare totale del mio debito con IREN. Tale cifra era perentoria per la riattivazione del gas e quindi non dilazionabile.
    Per farla breve, oggi 29 dicembre, dopo interminabili attese con numerazioni a pagamento (la linea gratuita IREN non è abilitata alle questioni amministrativo-contabili!!!) sono riuscito a spuntarla con il pagamento della bolletta gas più vecchia in ordine di tempo (e non il totale del mio debito) tramite bonifico bancario e un fax con la ricevuta di effettuato bonifico e domattina mi mandano a casa il tecnico per la riattivazione del contatore gas.
    Io sono senza parole!!!
    Sono 2 GG che a casa mia manca l'acqua calda, la possibilità di cuocere il cibo sul piano gas e il riscaldamento.
    Possibile che sia questa la corretta procedura che IREN deve mettere in atto per recuperare il suo credito?
    Possibile che questa gente possa entrare nel mio giardino a chiudere il mio contatore senza che io ne sia avvisato?
    Chiedo a tutti quelli che hanno avuto la voglia e la pazienza di leggere la mia storia con quali modalità sia possibile far presente a chi di dovere quelli che, a mio avviso, sono stati degli illeciti che IREN ha compiuto nei miei confronti?
    Grazie a tutti quelli che potranno aiutarmi in qualche modo.
    Alessandro
     
  2. Avv. Daniela D'Alessandro

    Avv. Daniela D'Alessandro Member Membro dello Staff

    Registrato:
    Lug 8, 2016
    Messaggi:
    277
    "Mi Piace" ricevuti:
    23
    Salve Alessandro,
    se al cliente non è stata inviata la comunicazione di costituzione in mora nei modi stabiliti dalla regolazione dell'Autorità e non siano state rispettate alcune tempistiche minime, la fornitura non può mai essere sospesa. Il fornitore deve costituirlo in mora, inviandogli, all'indirizzo corretto, una raccomandata o una PEC, che specifichi il termine ultimo di pagamento della bolletta non pagata. Deve essere indicata anche la data da cui il termine è calcolato, specificando se tale data sia quella di emissione della raccomandata o la data del suo invio. La comunicazione inviata con raccomandata o PEC, inoltre, dovrà precisare anche tutta una serie di indicazioni quali ad esempio le modalità con cui il cliente deve comunicare l'avvenuto pagamento (telefono, fax ecc.), questo nell’ ottica della massima tutela per il consumatore pur se moroso.
    Ad oggi, pertanto, la prima cosa da fare è verificare che effettivamente questa comunicazione non ci sia stata ( non che lei non ne sia venuto a conoscenza, che è cosa diversa). Per la legge è importante che lei sia stato messo almeno in condizione di conoscere, con onere per il fornitore di dimostrare di avere legittimamente recapitato la comunicazione de quo.
    Al di fuori di tale ipotesi, la sospensione e piombatura saranno da considerarsi illegittime.
     
  3. Glory85

    Glory85 New Member

    Registrato:
    Dic 29, 2016
    Messaggi:
    3
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Buongiorno avvocato D'Alessandro,
    Intanto voglio ringraziarla per la sua risposta che mi aiuta a rielaborare l'accaduto e a verificare i termini del contratto con il mio gestore energetico (IREN).
    Allo sportello deputato alle relazioni con il pubblico di Piacenza mi fu comunicato, in data 28/12/2016, che le raccomandate risultano loro spedite al mio indirizzo di residenza come il terminale, da loro consultato, indica. Rimane tuttavia il fatto che non avendole personalmente ritirate né avendo trovato nessuna ricevuta nella mia cassetta postale non mi sono conseguentemente attivato subendo la chiusura e la piombatura del contatore gas con la conseguente impossibilità di usufruirne.
    Nel momento in cui comunicai all'operatore di sportello che le bollette venivano correttamente lasciate in cassetta postale mentre altro tipo di comunicazione no mi disse che non sapeva cosa rispondermi in merito.
    Anche il vincolo degli arretrati in un'unica soluzione è stato scorretto da parte degli operatori di IREN in quanto, il giorno dopo, pagando la bolletta del gas più vecchia mi è stato comunicato telefonicamente da un'operatrice IREN che, la mattina seguente, un incaricato IREN avrebbe provveduto alla riattivazione del mio contatore gas.
    Posso gratuitamente richiedere agli operatori IREN copia di suddette comunicazioni che, a loro dire, hanno provveduto a recapitarmi?
    Grazie dell'attenzione.
    Alessandro
     
    Ultima modifica: Gen 4, 2017
  4. Avv. Daniela D'Alessandro

    Avv. Daniela D'Alessandro Member Membro dello Staff

    Registrato:
    Lug 8, 2016
    Messaggi:
    277
    "Mi Piace" ricevuti:
    23
    Salve,
    è sua facoltà farne richiesta, tuttavia non vi è obbligo per la società di rispondere alla sua richiesta. Ove non fosse possibile pacificamente visionare tale documentazione, l'unico modo per obbligarli sarà portare il caso dinanzi al giudice affinchè quest'ultimo possa imporre l'esibizione della suddetta documentazione, al fine di valutare la legittimità o meno dei comportamenti tenuti.
     
  5. Glory85

    Glory85 New Member

    Registrato:
    Dic 29, 2016
    Messaggi:
    3
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Grazie
     

Condividi questa Pagina