Home

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo

Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito. In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!

Ufficio reclami e diffide

Se sei stato truffato, se hanno negato il tuo diritto alla garanzia su un prodotto acquistato, richiedi il nostro intervento! Scrivici
info@difesaconsumatori.com

Siamo al tuo fianco

Per un consulto personale, incontra i nostri legali presso la sede a te più vicina. Per i nostri associati, la consulenza è gratuita.
Consulta le nostre sedi

Lavora con noi

Sei un avvocato? Abbiamo una proposta per te. Entra a far parte del più grande network di avvocati in Italia.
Per saperne di più chiamaci al 08.100.30.533

 

Patologie sanitarie e negligenza informativa della compagnia di viaggio

Segnaliamo la sentenza della Corte di cassazione n. 15798 del 2009 avente ad oggetto la negligenza informativa dell'agenzia di viaggio in merito a patologie sanitarie verificatesi preso il luogo di destinazione del viaggio. Riportiamo il testo integrale della sentenza.

Cassazione, SEZ. III CIVILE - 6 luglio 2009, n.15798

Motivi della decisione

1. - Con il primo motivo (violazione e falsa applicazione degli artt. 115 e 116 c.p.c. e 2729 c.c., in relazione agli artt. 360 n. 3 c.p.c. per violazione e falsa applicazione di norme di diritto e 360 n. 5 c.p.c. “per omessa, insufficiente o contraddittoria motivazione circa un punto decisivo della controversia prospettata dalle parti”) la Z. sostiene che il giudice dell'appello avrebbe erroneamente dichiarato inammissibile la prova da lei articolata.

Riconosce la ricorrente che la prova fu articolata in primo grado, ma non venne coltivata in sede di precisazione delle conclusioni, sebbene poi riproposta in appello (p. 8 ricorso).
Il motivo e' inammissibile, perche' non censura la ratio decidendi del giudice dell'appello di cui riconosce i presupposti di fatto.
Ne consegue l'assorbimento del secondo motivo circa il nesso eziologico, disconosciuto dalla sentenza impugnata.
Peraltro, per suffragare il suo convincimento, il giudice del merito affronta anche “per esigenze di completezza argomentative” le doglianze dell'attuale ricorrente.
Argomenta il giudice che “la sorte del giudizio non sarebbe stata diversa se la Z. avesse dimostrato la rilevanza causale del microrganismo ustionante presente nelle acque antistanti al villaggio turistico, poiche' ai fini dell'accertamento della responsabilita' della compagnia di viaggio, la danneggiata avrebbe altresi' dovuto provare non solo che la controparte fosse stata a conoscenza o avrebbe dovuto essere a conoscenza della presenza dell'alga marina in quel tratto di mare e nel periodo in cui ebbe luogo la vacanza e della probabilita' di un contatto aggressivo facilitato dalla bassa marea, ma anche che ella, se informata di tale eventualita', si sarebbe astenuta dallo stipulare il contratto (di viaggio n.d.r.) o lo avrebbe concluso a condizioni diverse” (p. 5 sentenza impugnata).
Simile motivazione non risulta ne' insufficiente ne' contraddittoria non ravvisandosi nel ragionamento del giudice del merito ne' il mancato esame di un punto decisivo della controversia, prospettato dalla parte (in quanto, come esposto, la Corte territoriale esamina proprio il punto sulla richiesta di apposita CTU per disattenderla) ne' un insanabile contrasto tra le argomentazioni complessivamente adottate (Cass. n. 2399/04).
Ne' puo' dedursi di aver in tal modo posto a carico del viaggiatore-consumatore la prova di conoscenza delle circostanze da parte della Ventaglio.
Infatti, il giudice dell'appello, investito della domanda risarcitoria, ha accertato che la Ventaglio ha agito secondo il criterio della diligenza professionale (art. 1176 c.c.) e della buona fede precontrattuale e contrattuale (artt. 1175, 1337, 1374, 1375 c.c.), in quanto ha ritenuto che “il fenomeno della bassa marea, quale situazione favorevole all'azione nociva di eventuali microrganismi acquatici” non fosse riconducibile “al novero di quelle informazioni di carattere generale” che l'organizzatore del viaggio deve mettere a disposizione del “consumatore”.
Al riguardo, va evidenziato che l'organizzatore di viaggi turistici, in base ai principi contenuti nella Convenzione di Bruxelles del 23 aprile 1970, concernente il contratto di viaggio deve adottare tutte le misure idonee ad evitare danni a coloro che vi partecipano (Cass. n. 4636/97); e' tenuto ad una condotta che non superi il livello medio di diligenza (Cass. n. 20787/04).
Pertanto, una volta informato il viaggiatore, come e' stato fatto nella specie, delle prestazioni promesse (trasporto, alloggio, attivita' sportive, escursioni e quant'altro), e messo a disposizione di questi il cd. opuscolo informativo menzionato dall'art. 9 del decr. leg.vo n. 111/95, che contempla tra le informazioni generali quelle sole notizie, di carattere per lo piu' amministrativo, necessarie per recarsi all'estero e indicato nel documento di viaggio i servizi forniti e le condizioni atte a giustificarne l'annullamento, nulla piu' incombe al detto organizzatore per dimostrare di aver adempiuto con la dovuta diligenza ai suoi obblighi.
Nella specie, il CTU e la relazione del CT di parte hanno solo indicato come causa probabile, ma non certa, che la fotodermatite sia stata causata da un microrganismo acquatico (p. 4 sentenza impugnata), per cui la probabilita' della causa non si configura come causalita' necessaria ed esclude di per se' ogni responsabilita' precontrattuale, rinvenibile soltanto in una negligenza informativa, che allo stato, non e' stata ritenuta, dovendosi ragionevolmente considerare che esula dalla esperienza dell'organizzatore del viaggio e dalla sua necessaria professionalita' la cognizione della bassa marea in un posto e della esistenza di microrganismi infetti nello stesso.
Di vero, l'assunto dell'attuale ricorrente, secondo il quale vi sarebbe stata omessa informazione di un pericolo e di un danno alla sua pelle, dovuti alla interazione tra la bassa marea e la presenza dell'alga ustionante, che, invece, la compagnia era tenuta a rappresentarli, non comporta, come correttamente rilevato nella sentenza impugnata, alcun nesso di causalita' tra l'asserita negligenza informativa e la fotodermatite, determinata, peraltro, da un raro, a dire della ricorrente, microrganismo.
Di qui l'assorbimento degli altri profili in esso contenuti circa il danno patrimoniale, danno morale, rimborso spese e da vacanza rovinata.
In conclusione il ricorso va respinto.

Sussistono giusti motivi per compensare integralmente tra le parti le spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa tra le parti integralmente le spese del presente giudizio.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Ultimi commenti

  • Diritto di recesso

    • Salve, volevo un informazione, sono da poco passato a Fastweb, abbonandomi online, con offerta dei costi di attivazione gratuiti se rimanevo con loro per 24 mesi.. Ora non trovandomi bene ho deciso di recedere il contratto, un operatrice mi dice che entro i 14 giorni non avrei pagato i costi di DISATTIVAZIONE, ma dovrò pagare comunque i costi di ATTIVAZIONE gratuiti al momento della sottoscrizione, volevo sapere se possono farlo.. In quanto io comunque non ho firmato ancora nessun contratto ...
       
    • buongiorno, ho recentemente effettuato un acquisto online di due prodotti tramite il sito internet di una farmacia di napoli; vorrei accedere al diritto di recesso per uno dei due prodotti. La farmacia, contattata telefonicamente , sostiene che, avendo loro allegato al prodotto lo scontrino fiscale - che a loro dire non può essere annullato -, non ho diritto al recesso ma alla sola sostituzione con beni di pari importo. vi chiedo: il diritto di recesso può essere inficiato dalla forma di fatturazione ...
       
    • Avvocato buongiorno salve volevo un informazione ho acquistato due camice un negozio di Qualiano con ben preciso le taglie e di colori, vado a casa misuro le camice camice non corrispondono alla taglia dopo averle riportate indietro il commerciante mi conferma che potrebbe essere che l'etichetta non è conforme alla misura gli dico è gentilmente cambiami le camice perché io sono interessato ad altre camice se eventualmente non è nella tua possibilità di tornarmi delle camice per la mia taglia ...
       
    • Salve, può il commerciante, dopo aver ricevuto e accettato il pacco di reso, rifiutarsi di procedere col rimborso perché sostiene che,sia il pacco che l oggetto risultano danneggiati?? Grazie
  • Garanzia sui prodotti difettosi

    • Buonasera, voglio segnalare l'acquisto online di uno uno smartphone thl5000 in data 21agosto 2014 dalla ditta Comebuy. Ho comunicato alla ditta tramite mail che si è verificato un difetto dal tasti SX dello smartphone e non fa illuminare il quadrante e non mi consente l'utilizzo. La ditta Comebuy mi ha risposto che devo spedire il telefono a mie spese e pagare anche la riparazione. Faccio presente che non sono ancora passati 12 mesi ma mi dicono che la garanzia è scaduta. Se potete darmi un aiuto ...
  • La fideiussione e immobili in costruzione

    • vorrei sapere a chi spetta pagare la fideiussione all'imprenditor e o all'acquirente ? grazie
  • Marchi celebri made in China

    • Ho appena acquistato un paio di scarpe Chie Mihara sul sito Locebid, solo dopo ahime mi sono resa conto dell'inaffidabi lita del sito, quando ho roicevuto un emssaggio dalla mia banca che sulla mia carta di credito era stata addebitata una cifra piu alta di quanto confermato sul sito. Sono desolata, ho bloccato la mia carta di credito ma devo adesso capire come bloccare l'ordine o aprire un contenzioso per riottenere la cifra, se possibile. Qualcuno sa darmi indicazioni su come fare e se c'è ...
  • Multe ed infrazioni stradali

    • buongiorno ho un problema giorno 17.04.2015 ho ricevuto una multa fatta con sirio 1.0 a roma ma io sono di palermo e non sono stato mai a roma cosa devo fare? grazie
  • Regolamento (CE) n. 889/2002 sulla responsabilità del vettore aereo in caso di incidenti

    • I visited multiple sites however the audio quality for audio songs existing at this website is truly fabulous.
  • Truffe on line

    • Mi sono incappata in vop e mentre leggevo i vari punti sulla salute dopo ogni mio clic sulla risposta in fondo trovavo un pulsante giallo con scritto premi e continua e cosi dopo due volte diventa un automatismo premere e proseguire ma al quarto sempre giallo c era scritto premi e abbonati e non c'è stato modo di tornare indietro mi hanno subito tolto sette euro dalla mia ricarica .ho segnalato la cosa alla polizia postale ma dicono non sia truffa.vorrei comunque un rimborso cosa devo fare?
       
    • anche noi abbiamo appena scoperto di essere stati truffati da Alessia Conturbi per una casa a Principina a Mare...addio caparra e addio ferie....
       
    • Buonasera, Credo di aver ricevuto anche io una truffa, in mese e mezzo fa ho acquistato su un sito un bracciale tiffany scontato, pagato con poste pay, ricevuta mail di conferma ordine, ho inviato info circa la ricezione del bracciale e mi è stato risposto di controllare lo stato di invio del pacco su un sito tramite il numero di invio, sul sito risulta che il pacco è stato in giacenza a Milano (io sono di Roma) dopodiché è stato reinviato al paese d origine non vi crederete mai in Cina. Come ...

Sportelli al servizio del cittadino

Napoli

Avv. Alessandro Cavallaro
Corso Italia 81 - 80016 Marano di Napoli (NA)
Tel. 081.19573405 - Cell. 347.6275602 

Roma

Avv. Giuseppe Lorè
Lungotevere della Vittoria 11 - 00195 Roma
Tel. 06.3724476 - Cell. 339.2508979 

Trieste

Avv. Carmine Perruolo
Via S.Pellico 8 - 34122 Trieste
Tel. 040.3407237 - Cell. 338.8563255 

Palermo

Avv. Veronica Ribbeni
P.zza V. E. Orlando n. 6 - 90138 Palermo
Tel. 091.6113374 - Cell. 347.1939725 

Chi è on line

Abbiamo 113 visitatori e un utente online

Contattaci






Le nostre sedi

Se sei interessato a lavorare con noi, e ad aprire una sede IDC nella tua regione, compila il modulo di contatto qui a sinistra

Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Puoi contattarci gratuitamente e senza alcun impegno per esporci la tua problematica. Saremo lieti di offrirti consiglio e se vorrai potrai usufruire dei nostri servizi. Scrivici ad assistenza@difesaconsumatori.com

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo