Giustizia

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo

Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito. In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!

Ufficio reclami e diffide

Se sei stato truffato, se hanno negato il tuo diritto alla garanzia su un prodotto acquistato, richiedi il nostro intervento! Scrivici
info@difesaconsumatori.com

Consulenza telefonica gratuita

Contattaci telefonicamente per una consulenza gratuita preliminare.
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 i nostri esperti saranno a tua disposizione

Lavora con noi

Sei un avvocato? Abbiamo una proposta per te. Entra a far parte del più grande network di avvocati in Italia.
Per saperne di più chiamaci al 08.100.30.533

 

Contratti di convivenza e il riconoscimento alle coppie di fatto

contratti di convivenza Mentre i mass media hanno concentrato tutta la loro (poca) attenzione sulle coppie omosessuali e sulla possibilità loro concessa di contrarre unioni civili, poco ci si è soffermati sugli aspetti giuridicamente più rivoluzionari della recente Legge Cirinnà, in merito ai rapporti di convivenza.
Se fino a prima del 5 giugno 2016 (data di entrata in vigore della legge), la convivenza era una zona franca, priva di diritti e doveri, adesso le cose sono ben diverse.
In primo luogo perché alla convivenza sono attribuiti specifici effetti giuridici e, in secondo luogo, perché ai conviventi è riconosciuta la facoltà di poter disciplinare il proprio rapporto mediante un vero e proprio contratto. L’idea può apparire poco romantica, ma rappresenta la risposta che da tempo attendevano tutte quelle coppie che, non potendo o non volendo contrarre matrimonio, desideravano che il loro rapporto acquisisse un riconoscimento di ufficialità. È bene chiarire e ribadire che, anche senza contratto, la convivenza oggi produce di per sé effetti giuridici tra i conviventi.


Il riconoscimento giuridico alle coppie conviventi

Si tratta di effetti che vanno esattamente a colmare (o almeno iniziano a farlo) quelle che ansie che affliggono i rapporti di convivenza, per la paura del convivente economicamente più debole di vedersi da un giorno all’altro privo di alcuna tutela e assistenza, per la cessazione del rapporto. Soffermandoci sugli aspetti patrimoniali, le preoccupazioni dei conviventi sono, infatti, spesso focalizzate, ad esempio, sulla casa coniugale e sugli alimenti.

Riguardo la casa, la Legge Cirinnà prevede che, in caso di morte di un convivente, il superstite potrà continuare ad abitarla (anche se non di sua proprietà) per almeno due anni, che diventano cinque nel caso in cui vi abitino anche minori. Alcun diritto sulla casa è, viceversa, riconosciuto per il caso in cui il rapporto cessi per la volontaria scelta di uno dei due.

Riguardo gli alimenti, la Legge Cirinnà prevede che, come per il matrimonio, dalla convivenza scaturisca l’obbligo di versare gli alimenti a carico del coniuge economicamente più forte, in favore di quello più debole. Tale obbligo avrà, tuttavia, durata non vitalizia, ma proporzionale alla durata della convivenza. È evidente, tuttavia, che allo stato attuale tale disciplina è permeata da una vaghezza che potrà essere colmata solo nel corso del tempo dalle modalità attraverso cui la giurisprudenza la applicherà ai singoli casi concreti.

Questi sono solo alcuni degli aspetti più interessanti disciplinati dalla nuova legge. Per un’elencazione più esaustiva e per distinguere a quali categorie di conviventi si applichi la nuova normativa, vi invitiamo a consultare quest’articolo, pubblicato su separati.org.

I contratti di convivenza

Come si diceva, ancora più rivoluzionaria, è la previsione per i conviventi di poter scegliere autonomamente come disciplinare il proprio rapporto, ricorrendo ad un vero e proprio contratto. Tale previsione infrange una sorta di tabù, che contraddistingue il nostro ordinamento rispetto ad alcuni altri, forse più evoluti e moderni. Il tabù a cui ci riferiamo è quello secondo cui il matrimonio è da intendersi giuridicamente come “atto puro”. Ciò sta a significare che esso non consente ai contraenti (ovvero ai coniugi) di potervi apporre alcun termine, né tanto meno alcuna condizione. I rapporti che si instaurano tra i coniugi, una volta contratto il matrimonio, non sono quindi tra loro in alcun modo negoziabili. Mentre in altri ordinamenti sono ad esempio riconosciuti i contratti prematrimoniali, in Italia essi sono privi di efficacia. I così detti “love contracts” sono, infatti, tipicamente di matrice anglosassone e la loro diffusione nella nostra cultura è da imputare più alle cronache rosa che non a quelle giuridiche. Così, ad esempio, si è tanto parlato, in passato, del contratto con cui il celebre fondatore di facebe, Mark Zuckerberg, si è impegnato a trascorrere almeno una notte a settimana con la moglie Priscilla.

Se, quindi, il matrimonio è e resta un atto puro, il principio non vale più per le convivenze, poiché in questo caso, la Legge Cirinnà ha offerto alle coppie la possibilità di disciplinare in modo flessibile il proprio rapporto.
La scarsa conoscenza dell’istituto ne impedirà probabilmente una rapida diffusione, malgrado lo strumento offra enormi potenzialità e rappresenti effettivamente la risposta alla domanda di tutela invocata da anni da tante coppie di conviventi insoddisfatte dalla precarietà del loro rapporto.
Stipulare un contratto di convivenza può significare, in altri termini, contrarre un vero e proprio matrimonio, ma con la facoltà di poter così liberamente scegliere di derogare ad alcuni dei suoi rigidi vincoli.
Cosa potrà esattamente contenere un contratto di convivenza? Quali clausole potranno essere inserite? Quali viceversa resteranno in ogni caso escluse? A darci una risposta sono è il sito degli Avvocati Matrimonialisti Associati, che ha qui già predisposto un modello di contratto di convivenza, con tanto di guida alla compilazione.

You have no rights to post comments

Chi è on line

Abbiamo 182 visitatori e nessun utente online

Contattaci






Come difendersi da Equitalia

Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Puoi contattarci gratuitamente e senza alcun impegno per esporci la tua problematica. Saremo lieti di offrirti consiglio e se vorrai potrai usufruire dei nostri servizi. Scrivici ad info@difesaconsumatori.com

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo