Strade

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo

Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito. In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!

Ufficio reclami e diffide

Se sei stato truffato, se hanno negato il tuo diritto alla garanzia su un prodotto acquistato, richiedi il nostro intervento! Scrivici
info@difesaconsumatori.com

Consulenza telefonica gratuita

Contattaci telefonicamente per una consulenza gratuita preliminare.
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 i nostri esperti saranno a tua disposizione

Lavora con noi

Sei un avvocato? Abbiamo una proposta per te. Entra a far parte del più grande network di avvocati in Italia.
Per saperne di più chiamaci al 08.100.30.533

 

Sconto del trenta per cento sulle multe

Tra le novità introdotte dal Decreto “del Fare” (entrato in vigore il 21 agosto 2013) si ha la possibilità, per chi prende una multa stradale e da due anni non ha avuto decurtamento

dei punti sulla patente, di ottenere uno sconto del 30% sulla somma da versare, purché la paghi entro 5 giorni dalla data di contestazione immediata o dalla notifica.Importante passo in avanti del Parlamento italiano dopo decenni di inasprimenti per le violazioni al Codice della Strada; accolti quindi gli appelli di varie associazioni che a fine anno 2012 avevo chiesto la sospensione dei rincari dato il periodo storico economico in cui versa l’Italia e gli italiani.

Tale “bonus” è applicato alle contestazioni per le quali è previsto il pagamento dell’importo in misura ridotta e si applica sul minimo edittale riportato sul verbale.

Altresì, per usufruire dello sconto occorre che la tipologia della violazione non preveda sanzioni accessorie quali:

- sospensione della patente

- confisca del mezzo (veicoli, mezzi pesanti..ect)

- violazioni penali (si esclude il beneficio per le violazioni come guida in stato di ebbrezza media/grave e sotto effetto di sostanze stupefacenti)

Le contravvenzioni si possono pagare anche con strumenti di pagamento elettronico (bancomat, carte di credito..ect) se l’autorità che ha elevato il verbale lo prevede; mentre resta  sempre concesso il pagamento in contanti diretto presso l’ufficio dell’organo accertatore o a mezzo di conto corrente postale.

Nel caso di contestazione immediata è possibile pagare le multe all’agente accertatore che emette il verbale, sempre usufruendo della scontistica del 30%. Premesso ciò, se l’agente accertatore è in possesso di apparecchiatura “POS” in gradi di rilascio di ricevuta, con annotazione sul verbale consegnato al malcapitato trasgressore.

Specifichiamo che non è contemplato il pagamento in contanti salvo casi particolari come per le violazioni commesse da autotrasportatori.

Per quanto concerne il momento da cui decorre il termine dei 5 giorni, vengono ribadite le regole già in vigore per i termini di pagamento e di ricorso:

- in caso di contestazione immediata dal giorno successivo alla data della violazione

- in caso di contestazione differita, il termine decorre da quanto il verbale di accertamento viene notificato a mezzo posta o via messo comunale

Infine, se il termine di scadenza cade in un giorno festivo, slitta al primo giorno feriale successivo.

 




Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
a.c.
0 #7 a.c. 2015-11-26 14:50
Buongiorno io ho preso una multa di €. 178,50 nel 2013, se pagavo la multa entro 5 gg avrei pagato €. 130,50.
io ho pagato €. 130,50 il 6gg, ora mi è arrivato da pagare la bellezza di €. 329,04, volevo sapere se è corretto o se posso pagare solo la differenza più interessi
Ringrazio
Distinti Saluti
Francesco
Citazione
 
 
daniela
0 #6 daniela 2015-01-12 16:34
Buona sera,
chiedo gentilmente una delucidazione in merito ad un verbale che ho ricevuto questa mattina.
é una multa stradale con Velocar Red. il limite stradale in quel tratto di strada è di 90 km orari ed io, purtroppo non mi sono accorta che li stavo superando. la mia velocità era di 97,6 che si è ridotta per tolleranza di 5km/h a 92,60. Mi viene concesso il 30% di sconto se pago entro 5 giorni ma devo aggiungere euro 15, a loro dire, per procedimenti e notifiche. Ho chiamato l'ufficio per avere dei chiarimenti e per capire se c'era un regolamento a cui attingere informazioni per questi 15 euro, ma purtroppo non sono stati in grado di soddisfare la mia richiesta.
per cui mi rivolgo a voi per sapere se questa somma aggiuntiva la devo pagare oppure no.
Ringrazio e porgo i miei più cordiali saluti
Citazione
 
 
Avv. Perruolo
0 #5 Avv. Perruolo 2014-06-13 14:09
Salve. Il beneficio non è previsto per le sanzioni che comportano decurtazione punti patente. Saluti.

Citazione Fiorenzo De:
Salve, ho preso la mia prima multa con decurtamento dei punti lo scorso dicembre 2013 . Ho pagato entro i 5 giorni previsti ma non mi e' stato comunicato questo diritto. Posso richiedere il 30% dopo quasi 6 mesi?
Grazie
Citazione
 
 
Fiorenzo De
0 #4 Fiorenzo De 2014-06-08 23:41
Salve, ho preso la mia prima multa con decurtamento dei punti lo scorso dicembre 2013 . Ho pagato entro i 5 giorni previsti ma non mi e' stato comunicato questo diritto. Posso richiedere il 30% dopo quasi 6 mesi?
Grazie
Citazione
 
 
Avv. Perruolo
0 #3 Avv. Perruolo 2013-10-15 07:39
Salve. Si deve far riferimento alla data in cui si è perfezionata la notifica che coincide con il momento di ritiro dell'atto purchè avvenuto entro 10 giorni dalla giacenza. In caso contrario, la notifica si è perfezionata automaticamente al decimo giorno. Saluti

Citazione Antonino:
Buonasera, io ho preso una multa per passaggio in ZTL a Torino. Peccato che mi è stata notificata durante le ferie, perciò l'ho ritirata solamente ieri. Quindi, mi chiedo, quale data vale? La data di consegna da parte del messo comunale (anteriore a 5 giorni) oppure la data del ritiro ufficiale (ieri)??
In comune mi hanno risposto che fa fede la data di consegna a casa. Ma io ritengo ingiusto che i famosi 5 giorni per il pagamento dell'ammenda scontata, partano dalla data della consegna, in quanto impossibilitato a ritirare a causa di mia assenza. Sapete darmi una risposta definitiva?
Grazie mille
Citazione
 
 
Dott.ssa Baldassini
0 #2 Dott.ssa Baldassini 2013-10-10 08:34
La notifica di un atto,tramite Messo comunale(o addetto alla notifica) produce i suoi effetti al momento:
- della sua consegna al destinatario o alla persona legittimata al ritiro,
- del rifiuto della consegna al destinatario o alla persona legittimata al ritiro,
- della data dell'invio della raccomandata a.r. (e non dal momento del ritiro dell'atto).

Nel caso di irreperibilità assoluta del destinatario(ci oè quando non esiste la persona all’indirizzo indicato in atti), l'atto produrrà i suoi effetti il 20° giorno successivo alla data di notifica coincidente con il deposito presso la Casa comunale.
Citazione
 
 
Antonino
0 #1 Antonino 2013-09-11 18:27
Buonasera, io ho preso una multa per passaggio in ZTL a Torino. Peccato che mi è stata notificata durante le ferie, perciò l'ho ritirata solamente ieri. Quindi, mi chiedo, quale data vale? La data di consegna da parte del messo comunale (anteriore a 5 giorni) oppure la data del ritiro ufficiale (ieri)??
In comune mi hanno risposto che fa fede la data di consegna a casa. Ma io ritengo ingiusto che i famosi 5 giorni per il pagamento dell'ammenda scontata, partano dalla data della consegna, in quanto impossibilitato a ritirare a causa di mia assenza. Sapete darmi una risposta definitiva?
Grazie mille
Citazione
 

Chi è on line

Abbiamo 341 visitatori e nessun utente online

Contattaci






Come difendersi da Equitalia

Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Puoi contattarci gratuitamente e senza alcun impegno per esporci la tua problematica. Saremo lieti di offrirti consiglio e se vorrai potrai usufruire dei nostri servizi. Scrivici ad info@difesaconsumatori.com

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo