Telefono

Istituto per la Difesa del Consumo

Istituto per la Difesa del Consumo, è un'associazione libera ed indipendente senza fine di lucro, di consumatori ed utenti, attiva in tutto il territorio nazionale.
Lo scopo dell'associazione è quello offrire ai propri associati assistenza legale altamente qualificata a costi...altamente ridotti!
Il principio è semplice: in tanti si può scegliere il meglio e si può risparmiare.

Istituto per la Difesa del Consumo svolge la propria attività dall'aprile 2008. Ad oggi oltre 30.000 utenti sono diventati nostri associati (dato aggiornato al 30 aprile 2015).

I nostri obiettivi

  • offrire, ai nostri associati, consulenza legale qualificata e specializzata;
  • favorire e promuovere la diffusione di notizie ed informazioni attinenti la difesa del consumo ed il consumo consapevole;
  • Promuovere le istanze sociali dei consumatori presso le istituzioni;
  • Agevolare il confronto tra professionisti e volontari cittadini, per l’approfondimento di tematiche inerenti il rispetto e la difesa dei valori civili.

 

Difendi i tuoi diritti

Banche, compagnie assicurative, gestori telefonici, catene commerciali, agenzie turistiche o di servizi potrebbero  materialmente ascrivere una buona parte dei loro profitti ai piccoli soprusi che quotidianamente consumano in danno dei loro clienti, effettivi o potenziali.

Le pubblicità  ingannevoli, le promesse rese e poi mai mantenute, le estenuanti attese telefoniche per sporgere un reclamo, i contratti redatti ad arte per nascondere insidie, sono solo alcuni degli strumenti più spesso utilizzati per scoraggiare ogni forma di rivalsa e per lasciar trasparire un messaggio: meglio subire, anzichè¨ ricorrere alla giustizia per far valere i propri diritti.

La giustizia spesso è innegabilmente lenta e contorta, ma il settore della tutela del consumo è in forte ascesa. È giunta l'ora che i consumatori acquisiscano la piena consapevolezza di rappresentare una classe, anzi di poter anch'essi divenire "un potere forte", in grado di condizionare il mercato, premiando quegli operatori che accettino apertamente il rischio di una comunicazione trasparente, o addirittura astenendosi da determinati consumi.

Il primo passo verso questa crescita, culturale e giuridica, deve provenire dai fenomeni di aggregazione, offrendo voce, forza e rappresentatività  alle associazioni e ai comitati.

Per assolvere a questa delicata funzione, gli scopi che ci prefiggiamo sono due, tra loro intimamente connessi: far conoscere ai consumatori i propri diritti, divulgando le notizie e le piccole guide pratiche che troverete pubblicate tra le pagine del sito; offrire supporto e consulenza legale agli associati a costi ridotti presso studi professionali altamente specializzati nel settore consumeristico.

Chi siamo

Domande e risposte

Per domande e consigli entra nella nostra community: pubblicare il tuo quesito è semplice e gratuito. In meno di 24 ore i nostri esperti ti risponderanno. Registrati subito!

Ufficio reclami e diffide

Se sei stato truffato, se hanno negato il tuo diritto alla garanzia su un prodotto acquistato, richiedi il nostro intervento! Scrivici
info@difesaconsumatori.com

Consulenza telefonica gratuita

Contattaci telefonicamente per una consulenza gratuita preliminare.
Dal lunedì al venerdì dalle ore 16:00 alle 20:00 i nostri esperti saranno a tua disposizione

Lavora con noi

Sei un avvocato? Abbiamo una proposta per te. Entra a far parte del più grande network di avvocati in Italia.
Per saperne di più chiamaci al 08.100.30.533

 

Telefonia: ricorso al corecom

I comitati regionali per le comunicazioni (Co.Re.Com.) sono stati istituiti dal Legislatore con la Legge n. 249/1997, meglio nota come legge Maccanico. Agli stessi sono state attribuite funzioni di governo, garanzia e controllo sul sistema delle comunicazioni in ambito regionale.

Più precisamente, a tali Comitati regionali sono state delegate competenze in materia di:

  • vigilanza sull’esercizio dell’attività radiotelevisiva locale;
  • tenuta del registro degli operatori di comunicazione;
  • definizione delle controversie tra operatori del settore e utenti.

Controversie in materia telefonica

L’aspetto più innovativo, tuttavia, è rappresentato dall’attività di conciliazione delle controversie insorte tra utenti e operatori, nell’ambito delle telecomunicazioni. Il tentativo di conciliazione rappresenta uno strumento basato su una procedura informale, rapida e gratuita che deve essere obbligatoriamente esperita, pena improcedibilità dell’eventuale ricorso all’autorità giudiziaria.

 

I casi in cui è possibile presentare ricorso al Co.Re.Com. per controversie insorte in ambito di telefonia o tv a pagamento sono molteplici, ecco i più comuni:

  • contestazioni di pagamenti di importi non dovuti;
  • ricezione di servizi a pagamento non richiesti;
  • penali per recesso anticipato;
  • disservizi da parte dell’operatore (come ad esempio interruzioni di servizio di telefonia e/o ADSL).

In altre parole, gli utenti, singoli o associati, e gli operatori di comunicazione che ritengono di aver subito la violazione di un proprio diritto, protetto da un accordo di diritto privato o dalle norme del settore, possono incontrarsi presso il Co.Re.Com. nel tentativo di risolvere bonariamente la questione insorta.
La richiesta deve essere inoltrata al Co.Re.Com territorialmente competente, sulla base dei seguenti criteri:

  • in caso di reti telefoniche fisse, in base al luogo di somministrazione del servizio;
  • negli altri casi, sulla scorta del domicilio indicato dall’utente al momento della conclusione del contratto o, in mancanza, in base alla residenza o alla sede legale rispettivamente dell’utente o dell’impresa.

 

L'istanza di conciliazione

L’istanza di conciliazione deve essere presentata preferibilmente utilizzando i moduli predisposti dai Co.Re.Com. e consegnata presso la sede regionale competente o, in alternativa, inoltrata a mezzo fax, pec o raccomandata a/r.
Il procedimento ha una durata massima di 30 giorni, durante i quali sono sospesi i termini per agire in sede giudiziaria.
Nel predetto arco temporale il Co.Re.Com fissa la data di comparizione presso i propri uffici e convoca le parti.
L’utente può partecipare alla conciliazione personalmente ovvero farsi assistere dal proprio avvocato o da persona di fiducia munita di delega.
L’incontro si svolge dinanzi ad un conciliatore professionista che invita le parti ad esporre le rispettive ragioni, al fine di individuare una soluzione reciprocamente accettabile. L’”udienza” si conclude con la redazione di un verbale sottoscritto dalle parti e dal conciliatore, nel quale viene riportato l’esito, positivo o negativo, del tentativo di conciliazione. Nella prima ipotesi, il verbale che ne riassume i contenuti costituisce titolo esecutivo qualora la parte obbligata non adempia.
Nel secondo caso, invece, che si verifica laddove le parti non presenzino all’udienza ovvero non raggiungano un accordo, quest’ultime potranno adire l’autorità giudiziaria.

 

Risultati della procedura

Ad oggi sicuramente l’attività di risoluzione delle controversie è tra le funzioni dei Co.Re.Com che si stanno rivelando più importanti ed efficaci.
Migliaia, infatti, sono le istanze di conciliazione presentate ogni anno presso i suddetti organismi con una percentuale di accordi andati a buon fine del 60-70%.
Ricapitolando brevemente quanto finora esposto, in caso di controversie con operatori telefonici o tv a pagamento la prima cosa da fare è inviare un reclamo scritto direttamente al gestore. Solo nell’ipotesi in cui il reclamo non sia da quest’ultimo accolto o venga addirittura ignorato, al fine di far valere i propri diritti, è necessario procedere con un tentativo di conciliazione dinanzi al Co.Re.Com. prima di agire in giudizio.
L’Istituto per la Difesa del Consumo si rende disponibile a prestare assistenza sia nella predisposizione della lettera di messa in mora nei confronti del gestore inadempiente che nella redazione dell’istanza da presentare al Co.Re.Com. competente.
In entrambi i casi, al fine di fornire un riscontro preciso e puntuale, è necessario che l’utente illustri nel modo più dettagliato possibile lo svolgimento dei fatti e che invii, ove possibile, la corrispondenza intercorsa con la compagnia telefonica e/o gestore.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Commenti   

 
Giada Signorin
0 #7 Giada Signorin 2017-01-05 14:53
Ho un problema con Fastweb che da quasi due anni non mi sta dando il rimborso che mi spetta. Tutto questo a causa di un errore totalmente da parte loro.
Come si può fare per riuscire a avere una soluzione
Citazione
 
 
Marianna Lai
0 #6 Marianna Lai 2016-11-25 17:23
Ho un problema con fastweb in merito a un contratto cessato come posso contattarvi? E possibile avere un recapito telefonico per poter parlare con voi grazie
Citazione
 
 
Salvatore capitanini
0 #5 Salvatore capitanini 2016-11-02 16:08
Salve... vi scrivo per un aiuto con la compagnia telefonica Vodafone che mio malgrado scopro essere la peggiore presente sul mercato
Il punto è questo che da quando ho stipulato il contratto con loro pago regolarmente con rid la bolletta telefonica ma la mia linea sia voce che internet non funziona e quelle poche volte che lo fa funziona malissimo ho chiesto di disdire il contratto e mi hanno chiesto più di 250 € per cambiare compagnia . Come posso fare?
Citazione
 
 
mpia mortarotti
0 #4 mpia mortarotti 2016-11-02 14:36
Il 19/10/16 entrata per informazioni ho stipulato,in seguito ad informazioni inesatte e omesse un contratto con Vodafone cambiando operatore sia per la linea fissa che mobile perchè prospettami conveniente.Il nuovo contratto prevede costi taciuti, non indicati e modalità ben diverse dalla mia richiesta. giunta a casa mi informavo sul sito e tornavo al negozio.trattat a in pessimo modo, da demente, non sono riuscita a far annullare nulla. ho inviato una R/R
alla casella indicatami dal call center e rispedito subito integro il loro modem.Chiamata l'assistenza, 190, ho avuto le informazioni più svariate e sono ancora ora in attesa di essere contattata in quanto non c'è modo di poter interagire con un responsabile, saperne qualcosa in merito ed evitare la migrazione senza costi aggiuntivi. grazie per l'attenzione e per l'indicazione che vorrà fornirmi.
Citazione
 
 
massimo c.
0 #3 massimo c. 2016-08-16 10:45
Buongiorno,
solo oggi ho scoperto che solo nelle ultime tre bollette, mi sono stati fraudolentement e addebitati costi per servizi e abbonamenti mai richiesti (oltre 400€)
Cosa mi suggerite di procedere? Vorrei denunciare in ogni sede e dare la massima visibilità a questa vergognosa e miserevole attività fraudolenta che non è accettabile resti impunita anche per le dimensioni del fenomeno, infatti credo che queste truffe rappresentino l’attivo più rilevante per la TRE.
Vi ringrazio fin d’ora e vi saluto con cordialità
Citazione
 
 
maurizio di feo
0 #2 maurizio di feo 2016-04-04 12:15
Ho un problema con fastweb come posso contattarvi? E possibile avere un recapito telefonico per poter parlare con voi grazie
Citazione
 
 
rita
0 #1 rita 2015-12-25 17:12
Spettabile, da ormai un mese non posso ricaricare il mio cellulare vodafone , ogni qualvolta ricarico i soldi spariscono nonostante le continue c lamentele a vodafone per ridarmi indietro i soldi mi viene risposto che non sono tenuti a ridarmi perché io ho attivato qualcosa .il fatto è che non ho attivato niente.come posso fare.?
Sperando in una vostra risposta
Citazione
 

Chi è on line

Abbiamo 314 visitatori e nessun utente online

Contattaci






Come difendersi da Equitalia

Redazione reclami e diffide

Redigere una lettera, una querela, una disdetta, un recesso o una diffida può apparire superficialmente semplice, tanto da indurre al “fai da te”. Non è così e in tanti casi non disporre delle necessarie competenze giuridiche e non tutelare al meglio i propri diritti può costare caro

Anche una semplice comunicazione scritta può, infatti, produrre specifici effetti giuridici o, viceversa, non essere idonea a produrli se non correttamente formulata. 

Puoi contattarci gratuitamente e senza alcun impegno per esporci la tua problematica. Saremo lieti di offrirti consiglio e se vorrai potrai usufruire dei nostri servizi. Scrivici ad info@difesaconsumatori.com

Sostieni l’informazione libera ed indipendente

Da quasi dieci anni, Istituto per la Difesa del Consumo, attraverso i siti internet del suo circuito, fa informazione libera ed indipendente. In tanti casi la nostra attività consiste nel dar voce alle numerose segnalazioni che riceviamo dai nostri utenti circa truffe e beffe subite da operatori commerciali scorretti. Inevitabilmente ciò comporta un enorme esposizione a minacce e citazioni in giudizio per diffamazione e risarcimento danni, con tutte le conseguenti spese processuali.

Continua a leggere l'articolo completo